banner
Casa / Notizia / Migliaia di tonnellate di plastica recuperate
Notizia

Migliaia di tonnellate di plastica recuperate

Jul 13, 2023Jul 13, 2023

Sponsorizzato da Plasback

Ogni pezzo di plastica raccolto dai clienti viene riciclato. Foto / Warren Buckland.

Sponsorizzato da Plasback

Condividi questo articolo

Plasback gestisce un programma accreditato per il recupero della plastica agricola.

Avendo avviato la propria attività in Nuova Zelanda nel 2006, Plasback è andata sempre più rafforzandosi quando si tratta di riciclaggio della plastica.

Plasback è stato uno dei primi programmi di Product Stewardship per l'agricoltura a ricevere l'accreditamento dal Ministero dell'Ambiente nel 2010 e riaccreditato nel 2017. Nel 2022, 5500 tonnellate di plastica sono state raccolte per il riciclaggio, il doppio della quantità nel 2021, quando 2600 tonnellate sono stati raccolti principalmente costituiti da fasciature di balle e coperture di fosse.

Il motivo dell’aumento è in parte dovuto al programma Fonterra Cooperative Difference in cui gli azionisti dei produttori di latte vengono ricompensati per le pratiche di sostenibilità. Ciò include il riciclaggio dei rifiuti di plastica derivanti dall’insilamento dei mangimi, ma una maggiore consapevolezza e coscienza sociale svolgono un ruolo importante. Utilizzando il suo originale ed efficace sistema di contenitori e contenitori, Plasback ha raccolto più di 28.000 tonnellate di rifiuti dall'inizio del progetto.

La collezione comprende fasce per balle, coperture per fosse per insilato, film termoretraibile, coperture per pallet, sacchi in polipropilene, contenitori in polietilene ad alta densità (HDPE), reti per vigneto, tubi per irrigazione e spago in polipropilene provenienti da aziende agricole e vigneti. Nell'ambito del suo continuo impegno nella tutela del prodotto, Plasback ora gestisce nove presse appositamente costruite a livello nazionale, progettate per migliorare la logistica del trasporto successivo dai loro centri principali agli impianti di riciclaggio, e ha introdotto nuovi prodotti realizzati con plastica riciclata come Tuffboard, Tuffdeck e Plaswood.

Con sede principale a Christchurch, l'azienda dispone di una rete affidabile di 13 collaboratori indipendenti. Neal Shaw, direttore commerciale di Plasback, afferma: "I clienti che ritirano la plastica sono interessati alla tracciabilità. Vogliono sapere dove va a finire la plastica e qual è il prodotto finale".

Ogni pezzo di plastica raccolto dai clienti viene riciclato, il 20% in Nuova Zelanda e l’80% all’estero, ma tutto viene riciclato.

I prodotti ottenuti da questo riciclaggio includono Tuffboard, pellicole per l'edilizia e pellet di plastica riciclata da riutilizzare per realizzare altri prodotti in plastica.

La plastica agricola è uno dei sei flussi di rifiuti che stanno per essere resi obbligatori. Ciò significa che i fornitori di plastica da utilizzare nel settore agricolo saranno tenuti a pagare un’imposta, che a sua volta verrà versata a un’organizzazione di Product Stewardship, che amministrerà i fondi per la raccolta e la lavorazione della plastica. Lo sforzo dell’agricoltura neozelandese di riciclare i rifiuti di plastica è una buona notizia che dovrebbe essere più ampiamente conosciuta.

Anche se il sistema obbligatorio è in fase di elaborazione, il sistema attuale è ancora volontario. Plasback incoraggia i produttori di plastica a partecipare allo schema Plasback in modo che l'industria possa gestire i rifiuti e i costi. Shaw sostiene che la parte più difficile sono i “free riders”, quelle aziende che vendono plastica ma non si assumono alcuna responsabilità finanziaria per il recupero e il riciclaggio del prodotto.

"Ci sono molte aziende lungimiranti che si sono effettivamente fatte avanti, ma ce ne sono ancora molte che stanno adottando un approccio attendista", afferma. "Questo approccio mira più a evitare i costi associati alla partecipazione attiva alle iniziative di riciclaggio finché non sono obbligate dalla legislazione governativa."

Sostenere il progetto Plasback renderà questo mondo migliore per i nostri figli e per i loro figli a venire.

"I clienti che raccolgono la plastica sono interessati alla tracciabilità. Vogliono sapere dove va a finire la plastica e qual è il prodotto finale."— Neal Shaw, Plasback.

NON RIFIUTARE

● Nel 2021-22, Plasback ha utilizzato oltre 40.000 kg di rifiuti di plastica per produrre più di 1.600 fogli di Tuffboard

● Plaswood è un'alternativa al legno, resistente alla pioggia, al gelo e alla neve e non intaccato dai raggi UV